Microprecision Serie 5 stereo Amp

Rispondi
Avatar utente
Nostromo
Tweeter
Messaggi: 3322
Iscritto il: 23 mag 2012, 20:03
Località: Vicenza
Contatta:

Microprecision Serie 5 stereo Amp

#1

Messaggio da Nostromo »

molto interessante...
Allegati
serie 5 1.JPG
serie 5 2.JPG
serie 5 3.JPG
serie 5 4.JPG
serie 5 4.JPG (39.96 KiB) Visto 669 volte
serie 5 5.JPG
serie 5 5.JPG (42.43 KiB) Visto 669 volte
...a volte non piaccio alle persone per quello che dico.... immaginate se sentissero anche quello che penso....
Avatar utente
Armando Proietti
Tweeter
Messaggi: 3352
Iscritto il: 24 nov 2020, 19:58
Località: Anversa degli Abruzzi

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#2

Messaggio da Armando Proietti »

Be decisamente sai orientativamente quanto costa?
Alpine UTE 93DAB modificata da Etabeta in ottico a - >
HELIX HX DSP
Audiosolution polimnia ----> Audison AP2- Microprecision 5.16 MK II
Audison SRx3 -----> Focal 40V2, SB14ST-C000-4
Trattamento acustici STP.viewtopic.php?f=19&t=15440
Avatar utente
Alessio Giomi
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 11132
Iscritto il: 23 mag 2012, 21:14
Località: Toscana Val di Cornia
Contatta:

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#3

Messaggio da Alessio Giomi »

Armando Proietti ha scritto: 4 mag 2022, 21:48 Be decisamente sai orientativamente quanto costa?
viewtopic.php?p=279051#p279073
PIONEER SPH DA120 optical out
HELIX DSP.3
Zapco Z150C2VX ______Sw RE10D4
Zapco Z220II_________ Wf AD W60
Zapco Studio 150______ Mr
---------------------------------- > Xtant xis 2.4 by morel
Zapco Studio 100______ Tw
Avatar utente
Etabeta
sysadmin
sysadmin
Messaggi: 2174
Iscritto il: 13 apr 2018, 17:32
Località: Torino

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#4

Messaggio da Etabeta »

Prodotto molto interessante,
in particolare mi ha colpito un dettaglio inusuale nell'ambito degli amplificatori car: l'utilizzo di transistor bjt (di tipo darlington, come descritto nella scheda del prodotto) con diodo di compensazione integrato (questo particolare non è citato ma lo si deduce osservando l'immagine dell'interno).
Foto dell'interno ad alta risoluzione (clicca per ingrandire)
Foto dell'interno ad alta risoluzione (clicca per ingrandire)
Senza scendere troppo nel tecnico, osservando la foto dell'interno si nota che le due coppie di transistor hanno 4 terminali (e non 3 come normalmente è), il terminale extra è la connessione ad un diodo interno (ricavato nello stesso chip ove sono le giunzioni del transistor) che ha lo scopo di stabilizzare, al variare della temperatura, il punto di lavoro/riposo del transistor stesso. Chiaramente il fatto che la giunzione del diodo sia sullo stesso chip di silicio rende possibile una regolazione molto rapida e precisa con l'uso di pochi componenti esterni. Quindi si ottiene una risposta molto lineare e costante al variare della temperatura massimizzando al tempo stesso l'efficienza.
bjt_sanken.jpg
Il package dei transistor è di tipo TO-3P-5 (che prevede 5 pin, di cui 4 utilizzati in questo caso)
STD0xN-P.jpg
STD0xN-P.jpg (9.63 KiB) Visto 409 volte
Non avevo mai visto l'impiego di questo tipo di componenti in ambito car audio.
Nella scheda del prodotto viene citato il produttore, giapponese, Sanken, ben noto a tutti gli audiofili, presumo (ma non ne sono sicuro, non ho trovato alcuna informazione precisa da parte Microprecision) siano utilizzare due coppie di STD01N/STD01P che però sono fuori produzione anche se ancora forniti dal produttore (in ogni caso non trattandosi di un prodotto "di massa" presumo non sia un problema) ma questa è solamente una mia curiosità.

Come tipicamente è per gli amplificatori in classe AB facenti uso di transistor che richiedono bassa corrente di bias (tipico dei transistor bjt giapponesi per impiego audio) la corrente assorbita a riposo complessivamente da questo amplificatore è piuttosto bassa in rapporto alla potenza nominale erogabile (nella scheda è dichiarato 0,8A), ciò chiaramente va a vantaggio della bassa emissione di calore.

Particolare la scelta di utilizzare selettori dip-switch per la regolazione della sensibilità di ingresso, ciò da un lato permette, senza dover effettuare alcuna misura, perfetto bilanciamento tra i due canali oltre che ad eliminare la presenza di trimmer/potenziometri (decisamente più "rumorosi" rispetto alla resistenze a film metallico qui utilizzate) lungo il percorso del segnale audio, anche se dall'altro vincola a valori predefiniti.
Avatar utente
ozama
Supertweeter
Messaggi: 8690
Iscritto il: 17 gen 2017, 18:10
Località: Copparo (Ferrara)

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#5

Messaggio da ozama »

Ma direi che non è un problema avere una regolazione discretizzata, dato che sicuramente questi amplificatori verranno accoppiati a DSP e/o preamplificatori, che disporranno di una raffinata regolazione analogica della tensione in uscita. Probabilmente a loro volta attraverso rete resistiva controllata elettronicamente, tipo quelli integrati Muses. :hmm:
A mio parere, in questo momento storico è solo un vantaggio tecnico, per un prodotto di questo tipo.
Se non sbaglio, anche McIntosh e qualche altro Costruttore usano da anni dei finali di potenza di tipo similare, con “sensore della temperatura” realizzato sullo stesso wafer. Ma hanno 5 pin.
Ciao! :)
Sorgente: Pioneer DEH X8500 DAB modificata da Etabeta, collegata in SPDIF TosLink al DSP.
DSP/amplificatore Audison AP4.9bit su wf Hertz MP165P.3 e full range Faital Pro prototipo.
Amplificatore Audison AP1d su sub Sonus by Nostromo & rs250v, in cassa chiusa.
Cablaggi per impianti elettrici e pin jack dorati per finta. :arr:
Avatar utente
The_Bis
Midrange
Messaggi: 2000
Iscritto il: 3 mar 2020, 21:55
Località: Vicenza

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#6

Messaggio da The_Bis »

Etabeta ha scritto: 9 mag 2022, 9:32 Prodotto molto interessante,
in particolare mi ha colpito un dettaglio inusuale nell'ambito degli amplificatori car: l'utilizzo di transistor bjt (di tipo darlington, come descritto nella scheda del prodotto) con diodo di compensazione integrato (questo particolare non è citato ma lo si deduce osservando l'immagine dell'interno).

microprecision_s5.jpg

Senza scendere troppo nel tecnico, osservando la foto dell'interno si nota che le due coppie di transistor hanno 4 terminali (e non 3 come normalmente è), il terminale extra è la connessione ad un diodo interno (ricavato nello stesso chip ove sono le giunzioni del transistor) che ha lo scopo di stabilizzare, al variare della temperatura, il punto di lavoro/riposo del transistor stesso. Chiaramente il fatto che la giunzione del diodo sia sullo stesso chip di silicio rende possibile una regolazione molto rapida e precisa con l'uso di pochi componenti esterni. Quindi si ottiene una risposta molto lineare e costante al variare della temperatura massimizzando al tempo stesso l'efficienza.

bjt_sanken.jpg

Il package dei transistor è di tipo TO-3P-5 (che prevede 5 pin, di cui 4 utilizzati in questo caso)
STD0xN-P.jpg

Non avevo mai visto l'impiego di questo tipo di componenti in ambito car audio.
Nella scheda del prodotto viene citato il produttore, giapponese, Sanken, ben noto a tutti gli audiofili, presumo (ma non ne sono sicuro, non ho trovato alcuna informazione precisa da parte Microprecision) siano utilizzare due coppie di STD01N/STD01P che però sono fuori produzione anche se ancora forniti dal produttore (in ogni caso non trattandosi di un prodotto "di massa" non penso sia stato un problema) ma questa è solamente una mia curiosità.

Come tipicamente è per gli amplificatori in classe AB facenti uso di transistor che richiedono bassa corrente di bias (tipico dei transistor bjt giapponesi per impiego audio) la corrente assorbita a riposo complessivamente da questo amplificatore è piuttosto bassa in rapporto alla potenza nominale erogabile (nella scheda è dichiarato 0,8A), ciò chiaramente va a vantaggio della bassa emissione di calore.

Particolare la scelta di utilizzare selettori dip-switch per la regolazione della sensibilità di ingresso, ciò da un lato permette, senza dover effettuare alcuna misura, perfetto bilanciamento tra i due canali oltre che ad eliminare la presenza di trimmer/potenziometri (decisamente più "rumorosi" rispetto alla resistenze a film metallico qui utilizzate) lungo il percorso del segnale audio, anche se dall'altro vincola a valori predefiniti.
Ottima Disamina @Etabeta è un progetto molto particolare soprattutto per alcuni aspetti di messa a punto dell'intero sistema che noterai non ha alcun Relais a fare da Antibump a differenza dei fratelli maggiori sia serie 7 che ZStudio.

In questo caso credo che il principale problema fosse gestire, nello spazio del mono, due canali di potenza non proprio trascurabile, quindi per contenere lo spazio si è escluso anche il relais.

E' curioso come nonostante tutti i discorsi fatti in altri thread si trovino ancora soluzioni non "nuove" in senso assoluto... Ma sicuramente innovative per il mondo del CarAudio...
Avatar utente
ozama
Supertweeter
Messaggi: 8690
Iscritto il: 17 gen 2017, 18:10
Località: Copparo (Ferrara)

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#7

Messaggio da ozama »

Potrebbe essere che ha dei disgiuntori elettronici a mosfet come gli ultimi Accuphase, dove è stata scelta questa strada per la minore resistenza di contatto verso gli altoparlanti, effettivamente poi misurata in una prova su AR? :hmm:
Ciao! :)
Sorgente: Pioneer DEH X8500 DAB modificata da Etabeta, collegata in SPDIF TosLink al DSP.
DSP/amplificatore Audison AP4.9bit su wf Hertz MP165P.3 e full range Faital Pro prototipo.
Amplificatore Audison AP1d su sub Sonus by Nostromo & rs250v, in cassa chiusa.
Cablaggi per impianti elettrici e pin jack dorati per finta. :arr:
Avatar utente
Etabeta
sysadmin
sysadmin
Messaggi: 2174
Iscritto il: 13 apr 2018, 17:32
Località: Torino

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#8

Messaggio da Etabeta »

ozama ha scritto: 9 mag 2022, 10:26 Potrebbe essere che ha dei disgiuntori elettronici a mosfet come gli ultimi Accuphase, dove è stata scelta questa strada per la minore resistenza di contatto verso gli altoparlanti, effettivamente poi misurata in una prova su AR? :hmm:
Ciao! :)
Più semplicemente qui non c'è, mi pare, alcun dispositivo di muting a valle dei transistor finali, osservando la foto si può vedere (si nota abbastanza chiaramente seguendo le piste, ingrandendo la foto che ho postato) che, partendo dai terminali emettitori dei transistor (è una classica configurazione push-pull) non vi sia nulla frapposto (a parte naturalmente le resistenze sugli emettitori da 0.22Ω) fino alle prese plug di uscita.
Fintanto che si rimane su potenze (e tensioni sui rami dei finali) relativamente basse non è sempre necessaria la presenza di un anti-bump che interrompa la connessione di uscita, cioè è sufficiente un circuito di muting a valle dei driver, normalmente realizzato con JFET, che azzeri il livello di uscita della sezione di preamplificazione fintanto che il transitorio di spegnimento/accensione (dovuto alle capacità di alimentazione) si esaurisce.
Chiaramente non è una regola, dipende da come è realizzata la rete di feedback tra l'uscita di potenza e i driver oltre che da come è realizzato il circuito driver stesso.

PS: L'operazionale di ingresso, l'unico presente, è un Muses 8920 (ingresso JFET) il cui guadagno è determinato dalla combinazione di resistori stabilita dai dip-switch.
Avatar utente
Nostromo
Tweeter
Messaggi: 3322
Iscritto il: 23 mag 2012, 20:03
Località: Vicenza
Contatta:

Re: Microprecision Serie 5 stereo Amp

#9

Messaggio da Nostromo »

ozama ha scritto: 9 mag 2022, 9:49 Ma direi che non è un problema avere una regolazione discretizzata, dato che sicuramente questi amplificatori verranno accoppiati a DSP e/o preamplificatori, che disporranno di una raffinata regolazione analogica della tensione in uscita.
appunto.... lo imposti e dopo regoli finemente tutto da DSP...
...a volte non piaccio alle persone per quello che dico.... immaginate se sentissero anche quello che penso....
Rispondi

Torna a “M”