Rete di compensazione dell'impedenza

ABC dei filtri passivi con consigli, suggerimenti e nozioni riguardo uno degli anelli fondamentali di una catena audio hifi
Avatar utente
davide_chinelli
Tweeter
Messaggi: 4023
Iscritto il: 1 giu 2012, 19:27
Località: Stradella (PV)

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#21

Messaggio da davide_chinelli »

davide_chinelli ha scritto: 22 apr 2021, 21:00 Sei intelligente, vorrei che ci arrivi da solo:

L'impedenza è elettrica, non acustica, quindi... (completa la frase)
Torniamo in topic dai,

Una rete di compensazione impedenza lavora a livello elettrico su un altoparlante.
Una misura acustica serve a niente, in questo caso.
Devi fare una misura elettrica del driver e abbassare il picco di impedenza alla risonanza (volendo puoi anche abbassare la capacità alle alte frequenze).

Per questo se la sbagli fai danni all'ampli: vai ad abbassare troppo l'impedenza e l'ampli (male che vada) ti va in protezione. Se va proprio male lo bruci direttamente.

Ovviamente, tutto si ripercuote anche sulla risposta in frequenza, ma quello è un fattore secondario.

Una rete del genere non la si adotta per piegare una rta ai propri scopi (al massimo, lavorando in passivo vai ad attenuare in modo opposto), la si usa per rendere lo speaker più facile da pilotare per l'ampli, consentendo performance migliori.

Ovvio (mi ripeto) che il tutto si ripercuote sulla risposta in frequenza (che è quello che interessa al nostro orecchio), ma partire da una rta e fare una zobel o una rlc serie invece che dai parametri elettrici rilevati (meglio ancora se in box), concedimi la frase (alla Fantozzi), è una cagata pazzesca!
Avatar utente
ozama
Supertweeter
Messaggi: 6893
Iscritto il: 17 gen 2017, 18:10
Località: Copparo (Ferrara)

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#22

Messaggio da ozama »

@davide_chinelli Che io sappia, la compensazione DEVE essere fatta con l'altoparlante in box. Perchè se devi abbassare il picco alla frequenza di risonanza, devi calcolarla sulla frequenza di risonanza esatta.
Altrimenti, come dicevi, rischi di abbassare l'impedenza in un punto dove è già bassa. E di provocare un ulteriore sfasamento che va a rendere il carico elettrico ancora più complesso.. ^^ In un woofer o in un sub, anche 10 Hz fanno differenza. :hmm:
Ciao! :)
Sorgente: Pioneer DEH X8500 DAB modificata da Etabeta, collegata in SPDIF TosLink al DSP.
DSP/amplificatore Audison AP4.9bit su wf Hertz MP165P.3 e full range Faital Pro prototipo.
Amplificatore Audison AP1d su sub Sonus by Nostromo & rs250v, in cassa chiusa.
Cablaggi per impianti elettrici e pin jack dorati per finta. :arr:
Avatar utente
davide_chinelli
Tweeter
Messaggi: 4023
Iscritto il: 1 giu 2012, 19:27
Località: Stradella (PV)

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#23

Messaggio da davide_chinelli »

Esattamente @ozama .

Siccome @Armando Proietti nei primi posts come modus operandi avrebbe misurato con un microfono, fatto la cella e poi valutato ad orecchio, ho dato l'input che tale cella agisce a livello elettrico.
Siccome Armando non è stupido (almeno io la penso così), ho volutamente lasciato il tempo per pensare a come operare.
Poi è successo quello che è successo, siamo andati ot fin troppo (in generale sui vari topic), per rientrare in tema ho dato un imput, volutamente non completo, per far cercare di ragionare un po' tutti.

Ripeto, molte cose le so, ma la maggior parte (soprattutto per quanto riguarda i passivi in generale, che siano crossover, celle risonanti, ritardi o qualunque cosa), ragiono, chiedo quando non so e apprendo da chi ne sa (molto) più di me.

Edit: si, rileggendo ho scritto una cazzata.
L'altoparlante si misura in aria libera per decidere quale Box creare (volume e tipologia di carico), certo poi dal free air, per esperienza, probabilmente già ti renderai conto di cosa ti aspetterai in box, quindi già ti preparerai mentalmente per realizzare questo o quello. Ma i componenti definitivi li salderai dopo aver misurato quello che succede allo speaker in box a livello elettrico.
Il tutto poi (ovviamente) si ripercuote anche sul rendimento acustico (rta), che è la cosa che interessa a noi.
Avatar utente
ozama
Supertweeter
Messaggi: 6893
Iscritto il: 17 gen 2017, 18:10
Località: Copparo (Ferrara)

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#24

Messaggio da ozama »

Si, io mi sono permesso di "correggerti" al di la di ogni riferimento, per il fatto che le cose rimangono scritte e penso sia giusto che alcune imprecisioni non traggano in inganno gli avventori che leggeranno in futuro. :)
Non per altro, e sempre dal basso delle mie conoscenze, che sono dovute alla passione e non al "mestiere". Quindi comunque altamente soggette ad errore.. ^^
Mi scuso se sono sembrato in qualche modo inopportuno. X3
Per quanto riguarda la sostanziale inutilità delle misure acustiche per calcolare le celle di compensazione, sono assolutamente d'accordo. :D
Sulle differenze nella resa audio di un sistema facente uso delle compensazioni, non so dirti. Devo montarle, tempo permettendo, nei prossimi, giorni sul mio impiantino. Invero molto modesto, manche cerco di curare soprattutto nelle cose che contano per la prestazione. :) Ti sapró dire.. Penso che comunque le differenze siano più che altro legate alla qualità dell'amplificatore. Non so in che altro modo possano interagire, in un sistema completamente filtrato in attivo, come il mio.. certo che se cambiano la fase elettrica, potrebbero avere influenza alle frequenze di incrocio, qualora molto vicine alla frequenza di risonanza di uno dei due drivers. :yes:
Ciao! :)
Sorgente: Pioneer DEH X8500 DAB modificata da Etabeta, collegata in SPDIF TosLink al DSP.
DSP/amplificatore Audison AP4.9bit su wf Hertz MP165P.3 e full range Faital Pro prototipo.
Amplificatore Audison AP1d su sub Sonus by Nostromo & rs250v, in cassa chiusa.
Cablaggi per impianti elettrici e pin jack dorati per finta. :arr:
Avatar utente
davide_chinelli
Tweeter
Messaggi: 4023
Iscritto il: 1 giu 2012, 19:27
Località: Stradella (PV)

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#25

Messaggio da davide_chinelli »

E hai fatto benissimo.
Ho scritto una ca..., una pu... una fregnaccia che non sta ne in cielo ne in terra, chi legge un domani per apprendere finisce che gli faccio fondere qualcosa...
Avatar utente
Armando Proietti
Woofer
Messaggi: 794
Iscritto il: 24 nov 2020, 19:58
Località: Vattela a pesca

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#26

Messaggio da Armando Proietti »

davide_chinelli ha scritto: 25 apr 2021, 13:06 Esattamente @ozama .

Siccome @Armando Proietti nei primi posts come modus operandi avrebbe misurato con un microfono, fatto la cella e poi valutato ad orecchio, ho dato l'input che tale cella agisce a livello elettrico.
Siccome Armando non è stupido (almeno io la penso così), ho volutamente lasciato il tempo per pensare a come operare.
Poi è successo quello che è successo, siamo andati ot fin troppo (in generale sui vari topic), per rientrare in tema ho dato un imput, volutamente non completo, per far cercare di ragionare un po' tutti.

Ripeto, molte cose le so, ma la maggior parte (soprattutto per quanto riguarda i passivi in generale, che siano crossover, celle risonanti, ritardi o qualunque cosa), ragiono, chiedo quando non so e apprendo da chi ne sa (molto) più di me.

Edit: si, rileggendo ho scritto una cazzata.
L'altoparlante si misura in aria libera per decidere quale Box creare (volume e tipologia di carico), certo poi dal free air, per esperienza, probabilmente già ti renderai conto di cosa ti aspetterai in box, quindi già ti preparerai mentalmente per realizzare questo o quello. Ma i componenti definitivi li salderai dopo aver misurato quello che succede allo speaker in box a livello elettrico.
Il tutto poi (ovviamente) si ripercuote anche sul rendimento acustico (rta), che è la cosa che interessa a noi.
Sicuramente mi sono espresso male a livello di italiano comunque io intendevo misurare la curva di impedenza questo è uno dei motivi per cui volevo comperare (La Clio al posto del Dsp)
Detto questo voi leggittimamamente avete letto in italiano ed effettivamente rileggendo con attenzione ho espresso un concetto assai sbagliato cosi come ultimamente sto facendo spesso.
Vediamo se riesco a farmi capire adesso.
Io avrei per le misure di prima e dopo con la clio.
Dopo di che per prudenza avrei fatto riprodurre un po di musica ad un amplificatore scadente per poi usare l'ampli titolare.
Sempre se ho capito bene che con la Clio pocket si possa tracciare il grafico di risposi in frequenza.
Altrimenti mi faccio i c.... Miei

Ho cancellato un po di frase irrispettose per il gruppo.
E effettivamente dovrei chiedere scusa per un bel po di cazzate fatte di recente....
Non è una giustificazione ma sto avendo un po di problemi.
Mi scuso inoltre che con Andrea @Nostromo e Stefano @The_Bis con um po tutti quelli che si sono sentiti presi in giro.
Adesso spero che chi ha voglia mi risponda nella stessa maniera che faceva una volta.
Chi vuole metrerci una pietra sopra io sono pronto
Per adesso
Alpine UTE 93DAB modificata da Etabeta
Altoparlanti Audison AP2 e AP6.5 2ohm.
Subwoofer Focal 40V2
Amplificatori.Helix D Four per AP2 e AP 6.5
Audison SRx3 per il Sub in mono 2 ohm
Trattamento acustici STP.
In attesa di tempi migliori per un DSP3
E cambiare completamente progetto.
Piano piano si fece Roma e ancora non è finita.
Avatar utente
Lustrike
Woofer
Messaggi: 1108
Iscritto il: 25 apr 2017, 23:32

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#27

Messaggio da Lustrike »

Armando Proietti ha scritto: 25 apr 2021, 15:25 Vediamo se riesco a farmi capire adesso.
Adesso si, perfetto!
Sorgente: CarPC con DAW
FA: Audio Art 240.4XE ->> Kit 2 vie Monza (tw MT25 & mw MW130) biamplificato
Avatar utente
davide_chinelli
Tweeter
Messaggi: 4023
Iscritto il: 1 giu 2012, 19:27
Località: Stradella (PV)

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#28

Messaggio da davide_chinelli »

Certo, avevo intuito che Amanda e forse anche Livio Rocca fossi tu.

infatti, spero senza mancare di rispetto a nessuno (in caso contrario chiedo scusa subito) ti ho sempre esortato ad usare la testa per le tue richieste, proprio perché ti reputo intelligente (ed il fatto di scusarti ti fa onore in questo).

Ripeto come la penso riguardo gli strumenti di misura.
Clio è un setup completo, che con un dispositivo solo ti permette di fare qualunque cosa, sia a livello elettrico che acustico.
Solo che costa non poco (la versione pocket che è comunque "l'entry level" di audiomatica siamo oltre 600 euro).
È poi, se vuoi aggiungere features ci sono vari accessori (vedi il pre, vari microfoni con caratteristiche diverse, l'ampli da 50w monofonico ecc.).

Se poi vuoi fare il salto verso il professionale c'è clio 12, o clip QC (secondo me esagerate per un hobbista).

E in più non è semplice saperle usare.

Per questo pensavo ad un dats (parte elettrica) ed un microfono omnidirezionale, più scheda audio (e software ovviamente). Il complesso è un po' più economico, più facile sbagliare (serve comunque conoscenza teorica e pratica per fare tarature), ma ti permette più o meno di fare le stesse cose.

Solo che costando qualcosa in meno di clio ed essendo un po' più didattico (rispetto a clio), forse ti permette di imparare più velocemente (soprattutto anche grazie a forum, soprattutto esteri che usano gli stessi software).

Clio è più difficile trovare qualcuno che la abbia, soprattutto che si discuta di problemi ed utilizzo (per imparare) attraverso forum (anche esteri).
Certo, quello che ottieni sei sicuro sia corretto. Ma forse il problema è arrivarci alle conoscenze tali da poter sfruttare un sistema (hardware più software) così potente.

Io stesso ho il wt3 (il padre del DATS) per la parte elettrica.
Per la parte acustica ho un behringer ecm8000, scheda audio m-audio mobile pre e come software truerta e Arta.

Passerò a clip prima o poi, ma prima devo rispolverare 10 anni di inattività nel campo audio. Quello che avevo imparato (via forum) mi sono dimenticato quasi tutto.
Recupererò, nel frattempo sto leggendo una decina di libri, tra quelli che avevo e qualcosa in lista su amazon (appena me li danno disponibili li ordino subito) e pian piano mi sto ricordando almeno la parte teorica.
Certo per quella pratica, al momento non posso rimettermi a provare, con una bimba di 2 anni (e poco più) rischio di ricevere danni. Appena avrà l'età giusta, costruiremo qualcosa insieme (dato che è molto attratta da quello che faccio), penso un 3 vie home, dato che sto scegliendo i componenti...
Avatar utente
Armando Proietti
Woofer
Messaggi: 794
Iscritto il: 24 nov 2020, 19:58
Località: Vattela a pesca

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#29

Messaggio da Armando Proietti »

Bellissimo condividere le proprie passioni con i figli perlomeno penso.
A questa risposta potteva rispondere mio padre ma purtroppo mi ha lasciato poco tempo fa.
Anche lui amava l'hi fi a 360 gradi ed è lui che al epoca ha finanziato parte del impianto che da ragazzo usavo sulla sua Auto.
Mi ricordo una notte fino alle due di notte a costruire un box subwoofer con la pialla a mano e tavole da muratore aveva una mano impressionante per me che avevo 16 anni.
Va be mi scuso per lo sfogo.
Grazie per i suggerimenti e grazie per la comprensione.
Per adesso
Alpine UTE 93DAB modificata da Etabeta
Altoparlanti Audison AP2 e AP6.5 2ohm.
Subwoofer Focal 40V2
Amplificatori.Helix D Four per AP2 e AP 6.5
Audison SRx3 per il Sub in mono 2 ohm
Trattamento acustici STP.
In attesa di tempi migliori per un DSP3
E cambiare completamente progetto.
Piano piano si fece Roma e ancora non è finita.
Avatar utente
Etabeta
sysadmin
sysadmin
Messaggi: 1915
Iscritto il: 13 apr 2018, 17:32
Località: Torino

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#30

Messaggio da Etabeta »

Riguardo l'argomento Clio Pocket meglio proseguire su quest'altro thread: viewtopic.php?f=33&t=15439
Ho spostato lì gli ultimi post.
I miei thread (link)
COMUNICAZIONE: Chiedo cortesemente di non inviarmi richieste per nuovi lavori (recap, riparazioni ecc...) in quanto sono attualmente in "overbooking" (e non mi è nemmeno possibile "aggiungere alla lista" nuove richieste).
Avatar utente
Terriero
Subwoofer
Messaggi: 307
Iscritto il: 29 lug 2017, 9:00

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#31

Messaggio da Terriero »

Tornando alle reti di compensazione ,tempo fa presi un kit di montaggio della nuova elettronica : è un impedenzimetro/reattanzimetro.fare celle e crossover e uno spasso, insieme a tante altre cose.cosi prima di ascoltare sei sicuro di non aver sbagliato .solo che ho smesso di farle perché ad orecchio non sentivo nessuna differenza.ora quasi quasi le rifaccio e vedo se almeno con le misure c'è differenza
Allegati
Eccolo
Eccolo
Radio android(interfaccia)
Topping D10 dac con uscita ottica
Ampli zapco z300 su Woofer hertz ml 1600
Ampli zapco c2k 20x suTweeter hertz ml 280.3
Ampli zapco ag350 su sub Pioneer tsw261
Helix dsp mini
Avatar utente
Armando Proietti
Woofer
Messaggi: 794
Iscritto il: 24 nov 2020, 19:58
Località: Vattela a pesca

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#32

Messaggio da Armando Proietti »

Bel oggetto con il suo fascino vintage.
Ma si può ottenere la stessa cosa con un multimetro e un programma per la riproduzione delle frequenze collegato mediante bluetooth.
Tanto sempre punto punto devi tracciare il grafico dell'impedenza
Ultima modifica di Armando Proietti il 16 mag 2021, 21:15, modificato 1 volta in totale.
Per adesso
Alpine UTE 93DAB modificata da Etabeta
Altoparlanti Audison AP2 e AP6.5 2ohm.
Subwoofer Focal 40V2
Amplificatori.Helix D Four per AP2 e AP 6.5
Audison SRx3 per il Sub in mono 2 ohm
Trattamento acustici STP.
In attesa di tempi migliori per un DSP3
E cambiare completamente progetto.
Piano piano si fece Roma e ancora non è finita.
Avatar utente
Terriero
Subwoofer
Messaggi: 307
Iscritto il: 29 lug 2017, 9:00

Re: Rete di compensazione dell'impedenza

#33

Messaggio da Terriero »

Questo genera da se la frequenza e ti da il valore esatto dell'impedenza . l'altoparlante si collega ad esso.e il nonno del dats
Radio android(interfaccia)
Topping D10 dac con uscita ottica
Ampli zapco z300 su Woofer hertz ml 1600
Ampli zapco c2k 20x suTweeter hertz ml 280.3
Ampli zapco ag350 su sub Pioneer tsw261
Helix dsp mini
Rispondi

Torna a “Progettazione Filtri Crossover”